fbpx

Cancellare notizie negative da Google

Cancellare notizie, articoli, commenti negativi su di noi o sulla nostra azienda è assolutamente necessario. La reputazione sul web non solo ci definisce ma guida in modo fondamentale anche il livello dei nostri affari o la possibilità di essere assunti. La prima cosa che facciamo tutti quando dobbiamo avere informazioni su una persona o una ditta è cercare sui motori di ricerca.

La Reputazione sul Web oggi ci definisce. Di qualunque cosa ci occupiamo, il nostro nome comparirà specialmente se ricopriamo incarichi di responsabilità o pubblici e se abbiamo un’azienda o un’attività. Diventa allora necessario avere un’immagine pulita e aderente alla realtà per tutelare le nostre capacità professionali, affinché le nostre reali competenze siano ben evidenziate e dove non sussistano elementi negativi che possano compromettere una carriera nascente o già affermata.

VUOI CANCELLARE DEI RISULTATI NEGATIVI DA GOOGLE? SCRIVICI

Perché cancellare notizie negative

Qualsiasi nuovo partner e datore di lavoro, o cliente, come prima cosa farà un’accurata ricerca online per saperne di più su di te, sulla tua professionalità, sulla tua affidabilità. Diventa problematico dover convivere con notizie negative, addirittura di natura diffamatoria, o magari relative a fatti vecchi, superati. Perché il potere del Web è di saper mantenere ogni informazione in una dimensione atemporale, sempre nel presente. Tutto ciò che è successo ieri entra prepotentemente nel presente, senza barriere.

Per questo è necessario tutelare la propria immagine, il proprio brand e la propria professionalità, monitorando attentamente i contenuti che circolano su di noi in rete e provvedendo a rimuovere eventuali contenuti negativi che possano intaccare la nostra reputazione.

Come cancellare notizie negative

Cancellare notizie negative è possibile ma non semplice.

Per cancellare le notizie negative abbiamo tre strumenti legali che ci tutelano di fronte ad un uso improprio della nostra immagine e del nostro nome:

  • Diritto alla privacy
  • Diritto all’oblio
  • Diritto d’autore

Per utilizzare al meglio le complesse normative legate alla privacy, all’oblio e al diritto d’autore, è necessario conoscere approfonditamente le regole e le leggi della nazione a cui si fa riferimento. Sul web infatti un contenuto leggibile in Italia può essere posizionato su siti stranieri che rispondono quindi a leggi della loro nazione.

Nel caso del diritto alla privacy, se c’è un contenuto negativo che ci riguarda, sulla nostra personale attività e sulla nostra persona, potremo ottenere una cancellazione dei contenuti sgraditi perché soltanto noi possiamo decidere quando e se determinate informazioni che ci riguardano possono essere diffuse.

Ma in questo caso entra in campo la complessa realtà delle normative sulla privacy, il GDPR e tutti gli strumenti collegati. Il titolare del trattamento dei dati, sarà tenuto a rimuoverle, una volta sollecitato a farlo. E’ necessario sempre sapersi rapportare nella maniera più efficace, utilizzando le formule di cortesia corrette e saper formulare la richiesta di rimozione in maniera impeccabile.

Quando si parla di diritto all’oblio, invece, stiamo parlando della volontà dell’interessato di non essere presente in un determinato ambito, che va dal contenuto giornalistico ai rapporti statistici o agli elenchi privati di scuole o gruppi sportivi. Il tempo massimo per ottenere la rimozione di contenuti in questi casi si aggira intorno ai due anni, ma avvalendosi di professionisti si arriva al risultato molto prima.

VUOI CANCELLARE DEI RISULTATI NEGATIVI DA GOOGLE? SCRIVICI

Per quanto riguarda invece il diritto d’autore, semplicemente siamo noi ad avere il diritto di decidere e di pubblicare i nostri contenuti. Non sarà ammissibile che terzi utilizzino contenuti e informazioni che abbiamo preparato e pubblicato noi per primi, facilmente attribuibili alla nostra persona, perché diffusi attraverso i nostri canali d’informazione, o a mezzo stampa con un’indiscutibile legame alla nostra creatività autoriale, quando superano una determinata percentuale di contenuti.

La richiesta di cancellazione a Google

Esiste poi anche la possibilità di rivolgersi direttamente a Google per cancellare e rimuovere determinati contenuti e link. C’è un apposito modulo di Google da compilare all’interno del quale vanno specificate accuratamente le motivazioni della richiesta di rimozione e la descrizione del problema, ma soprattutto va indicata la propria legittimità nel richiedere la rimozione allegando i relativi documenti di identità, per dimostrare di essere la parte direttamente interessata o di aver ricevuto delega.

Chiaramente la cosa che può sembrare più semplice e intuitiva da fare quando si intende ottenere la rimozione di contenuti dannosi per la reputazione è contattare l’autore del contenuto lesivo. Questo però non è così semplice come potrebbe sembrare. Anzitutto bisogna risalire all’identità dell’autore e trovarne i contatti, cosa non del tutto scontata. Specialmente quando si tratta di personalità pubbliche o di autori di grido, o giornalisti.

La notizia negativa può essere comparsa su un blog, sui social network, su un sito proprietario, ma chiaramente anche su quotidiani e giornali online. Come si può ben immaginare non è semplice avviare una trattativa per ottenere che l’autore del contenuto negativo, una volta individuato, sia disponibile a rimuoverlo e cancellarlo. Servono tecniche comunicative avanzate e la capacità. Sicuramente quando la persona è implicata in prima persona, oltre a non possedere necessariamente le competenze tecniche per ottenere una rimozione efficace dei contenuti, è coinvolta emotivamente e sarà più complesso riuscire a condurre al meglio la trattativa.

VUOI CANCELLARE DEI RISULTATI NEGATIVI DA GOOGLE? SCRIVICI

Esistono anche altre tecniche, al di là della rimozione diretta del contenuto negativo, che ci consentono di raggiungere comunque un risultato soddisfacente: è possibile ad esempio ottenere una deindicizzazione dell’articolo negativo: in questo modo, pur non venendo esso cancellato, sarà pressoché impossibile rilevarlo attraverso le parole chiave nei motori di ricerca, a meno che non si possieda l’URL esatto, a meno che cioè non si conosca anticipatamente il percorso esatto per risalire alla pagina deindicizzata.

Per ogni situazione di disagio esistono diverse soluzioni da modulare e preparare appositamente a seconda della situazione. Gli esperti di Web Reputation possono risollevarti da una condizione che altrimenti renderebbe difficile il tuo successo lavorativo e la cura della tua immagine pubblica.

PROBLEMI CON IL TUO ACCOUNT AMAZON? SCRIVICI

TORNA SU